Translate - Now!

giovedì 6 novembre 2014

Ciao Salam

Ho avuto un’illuminazione oggi e sono andata a cercare.
Questa volta il persiano c’entra poco, ma è comunque interessante.

Tutto nasce da una telefonata che Azizam ha fatto alla madre, in cui si sono stranamente salutati in arabo.

Il ciao nel medio oriente si dice pace: salam. In arabo è salam aleikum (sempre e comunque al plurale, e significa la pace sia su di voi), in persiano è semplicemente salam, pace appunto.

Da qui è nata una curiosità, qual è l’etimologia di salamelecco?

Apro il dizionario:

Salamelecco, (ant. salamelecche) [dall’ar. salam alaik, propriam. “pace in te”] s.m. (pl. -cchi) 
saluto, ossequio eccessivamente cerimosioso: fare mille salamelecchi.

Di parole arabe in italiano ce ne sono tantissime, ma non è il mio campo di studi.

Se la pace è il saluto degli arabi e dei persiani, schiavo è il saluto degli italiani. 

Perché?

Ciao [dal venez. s-ciao “(sono suo) schiavo”]

Queste forse erano cose che sapevate già, comunque sia… SALAM!




Fonti:

Dizionario Dardano, nuovissimo dizionario della lingua italiana in 2 vol., Armando Curcio Editore, Milano, 1990

Nessun commento:

Posta un commento

Kardan vs anjām dādan

Il verbo fare in persiano può essere kardan oppure anjām dādan. Il verbo kardan si usa anche con dei sostantivi per comporre nuovi ver...