Translate - Now!

martedì 13 maggio 2014

Dostoevskij – Zapiski iz podpol’ja / Записки из подполья


Quest’opera è conosciuta come “memorie dal sottosuolo”, ma conosciuta anche come “ricordi dal sottosuolo”.

Non starò qui a dire quanto Dostoevskij sia straordinario, si, sia, al presente.

Quest’opera si presenta come un libricino piccolo piccolo, ma contiene le riflessioni più profonde e sofferte che Dostoevskij ha fatto sull’essere umano. 

Per chi non lo conosce, brevemente, il protagonista è un uomo di circa quarant’anni, profondamente infelice, corroso dall’odio, dal disprezzo verso se stesso e gli altri, bisognoso di rivalsa e di vendetta. “Io sono solo, e loro sono tutti.” (pag.62)

Non svelo altro.

È un libro complicato, che fa male, perciò, se volete leggerlo, fatelo preparati.

Definibile o no con il processo stilistico dello skaz, (esiste o no questo skaz?), le riflessioni dell’uomo del sottosuolo sono un diario che si rivolge ai lettori, negando di essere diretto ad essi. Il tutto si chiude con un narratore esterno che afferma che le memorie che noi leggiamo sono solo una parte e che l’uomo del sottosuolo continua a scrivere.

Se lasciamo da parte lo stile perché ci abbiamo fatto un corso intero di letteratura russa sullo skaz, riprendere quel discorso, francamente, non mi va, quest’opera è il sunto del “credo” di Dostoevskij:

“…se qualcuno mi provasse che Cristo è fuori dalla verità, e se la verità fosse realmente fuori di Cristo, ebbene io preferirei restare con Cristo piuttosto che con la verità…”

L’uomo del sottosuolo rifiuta la socialità e la Ragione, il razionalismo, la fede cieca nella scienza e nella tecnica.L’uomo di cui si parla è senza speranza nella società e nel futuro, che cova odio e risentimento, che fa sogni di gloria, ma è perennemente affetto dall’impotenza e dall’inazione. In un momento in cui si sarebbe potuto salvare da questo sottosuolo grazie al sacrificio del Salvatore (incarnato da un’altra creatura battuta, vinta, perdente), l’uomo del sottosuolo sceglie invece la via della sopraffazione e del dominio. Non c’è salvezza senza amore, e questo amore non è un amore terreno, ma è l’agape.


P.s. faccio riferimento a "Ricordi dal sottosuolo" traduzione e cura di Gianlorenzo Pacini, Feltrinelli editore


Nessun commento:

Posta un commento

Kardan vs anjām dādan

Il verbo fare in persiano può essere kardan oppure anjām dādan. Il verbo kardan si usa anche con dei sostantivi per comporre nuovi ver...