Translate - Now!

mercoledì 7 maggio 2014

Cosa faccio e cosa uso



Sono stata fortunata a non dovermi lanciare nella ricerca disperata di un corso di lingua. Andare in una scuola di lingua (che sicuramente non era una cattiva idea), proprio non mi andava. Non ho ancora l’obiettivo di avere una certificazione di livello di lingua persiana, lo faccio per motivi sentimentali e per l’amore che ho per le lingue, per la cultura, non perché penso di lavorarci con il persiano. A pensarsi…magari un giorno, ma non è l’obiettivo odierno.

La ricerca di un sito o di un libro (o qualunque altro strumento d’apprendimento), è spesso una ricerca estenuante. Mille modi (per morire di noia), mille testi (e i soldini volano), ma quasi mai si trova quello che vorremmo noi.

Bisogna farsene una ragione, per lo studio del persiano, i testi sono quasi solo per anglofoni. L’unico testo che c’è per noi è un libro che non mi piace. A me personalmente sembra il tipico testo che bisogna seguire con un insegnante, o comunque con qualcuno che ti segue nell’apprendimento. Troppo orientato alla letteratura e, a mio giudizio, troppo legato al vecchio metodo di leggere e tradurre un po’ meccanico. Testi da leggere, tradurre, imparare le parole (come è un mistero), tanta grammatica.

Ma io così non sono mai riuscita a imparare niente. Grammatica compatta, tanti esempi, ma bisogna parlare fin dall’inizio. Ascolto, tanto tanto ascolto. Bisogna ascoltare quanto più possibile, anche nei posti più strani. 

Per questo motivo penso che se ti piace un cantate iraniano, lo devi sentire pure quando stai in bagno. (La storia del cantante iraniano ve la racconto un’altra volta).

Io con le canzoni ho imparato l’inglese da sola. (La mia storia con la lingua inglese è lunga, e poi è un’altra storia).

Il corso che mi è stato regalato in versione cartacea è questo:

Farsi Asan/Easy Persian, di Alaeddin Pazargadi, Rahnama Press, 2009




Il testo è in 5 libri, ogni libro ha un cd. Non mi dispiace. Mi sembra anzi il miglior testo che ho visto fino adesso. (Avevo fatto una lunga ricerca…che pianto!)

Sono già al libro 2. Il libro 1 ti insegna l’alfabeto e i suoni del persiano.

Da oggi inizio il libro 2 in modo sistematico. Sono 97 pagine…quanto ci metterò?

Nessun commento:

Posta un commento

Baghali polo

Un piatto che non mi stancherei mai di mangiare è baghali polo. Baghali polo significa riso alle fave. Ottimo, semplice e vegetari...